La Vitamina K2 : il segreto della longevità

di Philippe Lagarde

La vitamina K è un gruppo di vitamine liposolubili (K1, K2, K3, K4, K5). Le ultime 3 sono sintetiche e ci interessano poco.

La K1, chiamata anche fillochinone, è di origine naturale e si trova nei vegetali a foglia verde, in particolare nelle verdure. La troviamo quindi facilmente nel nostro cibo. Va direttamente al fegato e aiuta a mantenere un sano equilibrio della coagulazione.

La K2 o menachinone è fabbricata dai batteri che rivestono il tratto intestinale. Si dirigerà verso le pareti dei vasi sanguigni, le ossa, i tessuti epatici e di altri organi vascolarizzati. Aumenta l’assorbimento del calcio attraverso la flora intestinale.

Riassumendo, la vitamina K1 è di origine vegetale, naturale, essenziale (il che significa indispensabile, ma che i nostri organismi non sono in grado di sintetizzare).
È fondamentale per la coagulazione del sangue.

Anche la vitamina K2 è naturale, ma di origine batterica. La sua azione si rivelerà estremamente importante per aiutare a regolare l’uso del calcio nel nostro corpo.
Il benessere delle ossa, il mantenimento dell’elasticità delle arterie, contrastare le calcificazioni, partecipare alla lotta contro l’invecchiamento sono tutte le risorse a nostra disposizione grazie alla vitamina K2.

Ma non è tutto, perché questa vitamina K2 ci nasconde ancora molto e poco a poco la stiamo scoprendo sempre più.

Si è scoperto che in realtà esistono due tipi di vitamina K2:
• La varietà MK-4 presente negli alimenti di origine animale e di scarso interesse per noi;
La varietà MK -7 che si trova negli alimenti fermentati e che, infatti, ci interessa particolarmente.


Ora, prima di continuare il nostro discorso, è difficile, se non impossibile, elogiare le qualità della vitamina K2-MK7 senza parlare anche di una proteina molto particolare, nota come vitamina K dipendente: la matrice della proteina GLA.
Un nome barbaro per chi non è chimico, ve lo concedo, e difficile da “raccontare”.
Molto tempo fa, le prime forme di vita provenivano dagli oceani ricchi di calcio. Questi primi organismi viventi hanno dovuto adattarsi e per fare questo hanno inventato meccanismi per impedire la cristallizzazione del calcio diffuso (sali) che si trovava nei loro tessuti viventi.
È diventato, attraverso l’evoluzione, un importante meccanismo di blocco del calcio.
E questo si ottiene attivando una proteina chiamata matrice di acido gamma-carbossilglutammico (GLA).
Questa matrice, per funzionare, deve essere carbossilata. Il processo chimico risultante non ha importanza per noi.
L’importante è capire che in presenza di vitamina K2-MK7, il GLA è carbossilato. È quindi pronto a combattere e respingere le infiltrazioni e depositi di calcare, in particolare a livello di organi vitali (cuore, reni, fegato, cervello, tessuti molli in generale).
È di particolare interesse nel compensare l’effetto di un’altra importante vitamina, che inoltre ha anche un forte legame con il metabolismo del calcio, parlo della vitamina D3.

Conclusione:
È quindi essenziale mantenere l’efficacia del GLA assicurando che i livelli di vitamina K2-MK7 siano in equilibrio. È necessaria un’assunzione costante.
Il K2-MK7 è la forma naturale. È il più efficiente. Ha anche un grande vantaggio: rimane attivo 24 ore in un organismo.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Cerca sul sito

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli