Inquinamento Atmosferico: quali sono gli effetti sugli esseri viventi?

di Philippe Lagarde

L’inquinamento atmosferico ha conseguenze considerevoli a tutti i livelli di comportamento e sviluppo degli esseri viventi, sia che appartengano al mondo animale che vegetale.
L’inquinamento può direttamente uccidere gli organismi, certo, ma può distruggere insidiosamente o lentamente avvelenare,interrompendo le modalità fisiologiche della vita. Ad esempio, per la riproduzione, gli animali o le piante hanno bisogno di odori, ormoni, che il maschio e la femmina necessitano per ritrovarsi. Altri ne hanno bisogno per trovare il loro nutrimento. Questo spiega la progressiva scomparsa di alcune specie di uccelli, pipistrelli, serpenti, anfibi, aumento della fragilità di alcune piante, ecc.

Uno studio dell’University of Virginia pubblicato in Atmospheric Environment nel 2008 ha dimostrato che nell’aria pura, gli odori floreali si disperdono su distanze a volte superiori al chilometro, mentre in aria inquinata, le molecole sono distrutte o modificate. Quindi il 50% del profumo di un fiore si perde prima di aver percorso 200 m. José D. FUENTES ha stimato che questi aromi vengono distrutti fino al 90% dall’inquinamento, rispetto a “Prima dell’età industriale”. Immaginate le conseguenze sulla fisiologia degli animali, ad esempio sulle api!
I Funghi, nel frattempo, sono in netto calo, non appena ci si avvicina a zone di agricoltura urbana e intensiva, come anche i licheni. Questi sono usati anche come bioindicatori di qualità dell’aria. I funghi sono anche bioaccumulatori, in particolare metalli pesanti e radio nuclidi (radioattività). Ricordiamoci della nube di Chernobyl.
Nell’essere umano, è lo stesso. C.Arden POPE ha dimostrato che la riduzione delle particelle fini disperse nell’aria aumenta l’aspettativa di vita di almeno il 15%.

Le evidenti conseguenze constatate finora dell’inquinamento atmosferico nell’uomo sono principalmente l’aumento delle malattie respiratorie e cardiovascolari, un calo della fertilità e una tendenza alla femminilizzazione degli individui.

Ma non pensiate che questa sia una scoperta recente! In realtà, gli scienziati lo sanno da molto tempo! Nel 2002, uno studio completo di BRUNEKREEF e HOLGATE, pubblicato sulla prestigiosa rivista The Lancet, ha sistematicamente esaminato le ricerche sull’argomento pubblicate nell’arco di 20 anni. Più di 10.000 pubblicazioni sono state elencate, tutte verso la stessa direzione! Dal 2003 sono emersi 1500 studi all’anno!
L’asma (soprattutto del bambino di città), le tonsilliti, l’insufficienza respiratoria, la bronchiolite, i tumori, stanno aumentando nei centri urbani industriali. Ad esempio, i bambini che crescono nelle grandi città hanno cinque volte più probabilità di sviluppare malattie polmonari in età adulta, secondo uno studio GAUDEMAN e AVOL pubblicato nel New England Journal of Medicine (settembre 2004).
È lo stesso per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, infarto, ictus, tonsilliti.

Anche la fertilità dell’uomo viene gradualmente disturbata nel corso degli anni. Per quanto riguarda gli animali e le piante, i pesticidi inalati a basse dosi, ma cronicamente, alterano le funzioni riproduttive dell’uomo. Si parla anche di sostanze chimiche o metalli pesanti, chiamati esche ormonali o mimetici ormonali, che ingeriamo con acqua e cibo (acqua minerale, biberon, ecc.). Ma dimentichiamo che gli inquinanti comuni dell’aria hanno anche un impatto sui diversi stadi della riproduzione maschile e femminile.

Fonte: Dr. Philippe Lagarde “Come possiamo sfuggire alle malattie” Guy Trédaniel. 2010.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Cerca sul sito

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli