Tre fattori di rischio del cancro sono connessi allo stress

di Philippe Lagarde

La ricerca ufficiale non ha dimostrato formalmente l’esistenza di un nesso causale tra stress e cancro. La relazione tra stato emotivo (psicologico) e salute fisica è molto complessa. Lo stress psicologico può avere ripercussioni sul piano fisico.

Alcuni studi suggeriscono cautamente che vari fattori psicologici possono aumentare il rischio di sviluppare un cancro.

Tuttavia, finché la scienza occidentale continuerà a voler trasformare tutto o spiegare e dimostrare con formule matematiche le reazioni psicologiche di ogni organismo, la scienza medica e la prevenzione, rimarranno sterili. Inoltre, per la prevenzione sarebbe al quanto imbarazzante se si dimostrasse che lo stress è legato al cancro.

(È più accettabile per le malattie coronariche però.)

Sembra che il cancro sia proprio un’area riservata per l’industria farmaceutica.

È chiaro, tuttavia, che almeno tre fattori di rischio per il cancro siano legati allo stress:

  • Lo stress può indebolire il sistema immunitario. Il vostro sistema immunitario vi protegge da infezioni e malattie, incluso il cancro. Un sistema immunitario indebolito influenza lo sviluppo di alcuni tipi di cancro.
  • Lo stress può alterare i livelli di alcuni ormoni nel corpo. Uno squilibrio ormonale può anche aumentare il rischio di sviluppare il cancro.
  • Lo stress può portare a comportamenti non salutari. Eccesso di cibo, fumo e consumo eccessivo di alcol sono tutte cattive abitudini che aumentano il rischio di cancro.

Fisiologicamente, una situazione di stress causa il rilascio di ormoni come l’adrenalina e il cortisolo, che aumentano, in particolare, la pressione arteriosa e accelerano la frequenza cardiaca, e interrompono certi ritmi circadiani (processi biologici che hanno un’oscillazione di circa 24 ore). Questi elementi fisiologici hanno dato origine all’ipotesi di un’associazione tra il livello di stress e l’aumento del rischio di cancro.

La nuova generazione di medici è formata e si sta preparando a gestire un sistema sanitario adatto all’intelligenza artificiale. È ovvio che questo sistema non è in linea con le nozioni della psicologia umana.

Si renderanno conto, ad un certo punto, che il malato di cancro rimane totalmente un essere umano e non un robot. E l’uomo rimane e rimarrà per lungo tempo, se non per sempre, un meraviglioso enigma che non si mette in equazione.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli