In oncologia, nessun Effetto Collaterale dei trattamenti è innocuo

di Philippe Lagarde

Gli ospedali danno voce ai pazienti, evitando qualsiasi interruzione prematura del trattamento.

Stanchezza intensa, pelle ricoperta da acne o al contrario molto secca, diarrea … Rispetto alla minaccia letale rappresentata dal cancro, questi effetti negativi di alcuni trattamenti antitumorali possono apparire benigni e tollerabili all’osservatore esterno. Ma quando si trascinano per mesi o addirittura per anni, mettono il paziente alla prova.
“Stop chemio?” Chiede una giovane donna di 21 anni affetta da leucemia, in un forum sul sito della Lega contro il cancro: “Sto provando da diverse settimane un’enorme stanchezza (dovuta a cure e shock emotivo molto recente) e temo di non poter continuare a lavorare se vado avanti. Questo è il mio primo lavoro e ci tengo. Sono un po’ persa … “
“La stanchezza e i danni alla pelle sono molto negativi per i pazienti”, osserva il dott. Salim Laghouati (farmacovigilanza, Institut Gustave-Roussy a Parigi). Tuttavia, gli oncologi tendono a minimizzare questi effetti indesiderati rispetto alle gravi tossicità – cardiache, renali – a cui sono inoltre esposti i pazienti. Eppure questi fastidiosi effetti collaterali possono essere una delle cause principali dell’interruzione di un trattamento ben funzionante.” “Quando un effetto collaterale viene segnalato dal paziente, sta avendo un impatto sulla sua vita. Non possiamo lasciarlo da parte”, conferma la dottoressa Ségolène Duran, responsabile della farmacovigilanza dell’Istituto Paoli-Calmettes per la lotta contro il cancro (Marsiglia).

Testimonianze di pazienti trattati
La comunità medica sta lentamente iniziando a interessarsi alle testimonianze dei pazienti trattati per il cancro. La posta in gioco è alta: in farmacovigilanza, come in tutti gli studi scientifici basati su statistiche, il volume delle informazioni è fondamentale per garantire l’affidabilità del risultato. Tuttavia, se le persone possono, dal giugno 2011, segnalare una reazione avversa direttamente su Internet senza passare attraverso un professionista della salute, sette anni dopo, è chiaro che non hanno utilizzato bene lo strumento. “Complessivamente, nel 2016, i pazienti rappresentavano solo il 5,5% delle segnalazioni di reazioni avverse”, afferma ANSM. In oncologia, la proporzione scende al 2%.
Quindi, qua e là, i team medici stanno innovando e testando. All’Istituto Paoli-Calmettes di Marsiglia, un’infermiera è stata incaricata dal dott. Duran di discutere l’argomento delle reazioni avverse con i pazienti del centro e di assisterli se desiderano dichiararne uno sul sito dell’Agenzia per i medicinali (ANSM). Anche i pazienti volontari sono stati formati per discutere di questo argomento con i malati. “Le persone si fidano più di un’infermiera o di un altro paziente, che ha passato la stessa cosa, che del medico”, spiega Ségolène Duran.
Due anni dopo, i risultati ci sono. Il programma ha prodotto 185 segnalazioni di reazioni avverse da pazienti presso l’istituto. A titolo di confronto, i dati del database nazionale di farmacovigilanza ammontano a solo 215 segnalazioni di pazienti in quattro anni riguardanti trattamenti contro il cancro.
“I nostri obiettivi sono plurimi”, spiega il Dr. Duran. Vogliamo far confidare il paziente sui sintomi meno gravi e per i quali possiamo spesso offrire una soluzione personalizzata, ma anche dichiararli per migliorare la conoscenza collettiva del trattamento, o anche impostare una sorveglianza sistematica per rendersi conto di alcuni rischi.” “Il nostro programma ha messo in evidenza gli effetti collaterali frequenti che non sono stati segnalati al medico, come stanchezza cronica, o meno noti relativi a disturbi dell’udito, del gusto, della vista” , illustra.
All’Ospedale universitario di Tolosa, il programma AMA-AC (per “assistenza medica ambulatoriale dopo il cancro”) lanciato nel 2006 dal Prof. Guy Laurent nel dipartimento di ematologia consiste nel monitoraggio telefonico dei pazienti ad un orario programmato durante la chemioterapia e negli anni successivi. “Queste telefonate regolari di un’infermiera hanno permesso, tra l’altro, di rivelare disturbi psicologici o effetti indesiderati ritardati che, fino ad allora, non erano arrivati alle orecchie dell’oncologo”, spiega il dottor Fabien Despas, responsabile della farmacosorveglianza farmaci antitumorali. Da allora altri centri oncologici a Lione, Rennes e Rouen hanno ripreso questo programma.

Utilizzo dell’analisi dei social media
Il centro di Tolosa è anche responsabile dell’iniziativa dell’applicazione per smartphone VigiBIP, che consente ai pazienti di segnalare una reazione avversa in una forma personalizzata. In due anni di test (2015-2017), le segnalazioni dei pazienti tramite l’applicazione sono state il doppio di quelle trasmesse nella formula classica (6,7% contro 3,4% per tutte le segnalazioni ricevute dal Centro ospedaliero). Il tutto resta comunque ancora modesto.
Come segno che la voce dei pazienti sta guadagnando valore nella farmacovigilanza, si dice che l’ANSM sia in trattative con la società Kappasanté per utilizzare il suo programma Prism per analizzare i social network e i forum frequentati dai pazienti. Sviluppato in collaborazione con Inserm in particolare, filtra centinaia di migliaia di messaggi di utenti Internet per identificare associazioni ricorrenti tra un farmaco e un effetto negativo. Un “segnale” che può poi essere approfondito dagli specialisti di farmacovigilanza. I risultati sono “molto convincenti”, stima il dottor Stéphane Schück, presidente dell’azienda, epidemiologo di formazione. “Il valore aggiunto di Prism è la velocità: nei nostri studi retrospettivi, eravamo fino a due o tre anni avanti rispetto al sistema di farmacovigilanza istituzionale, nella rilevazione di un ‘segnale’ da monitorare”, lui spiega. Ha aggiunto: “Contrariamente alla credenza popolare, le informazioni su questi forum sono di alta qualità. Osserviamo che si crea una forma di moderazione naturale tra i partecipanti. E le persone sono molto brave a raccontare le loro esperienze “.

Le Figaro

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Cerca sul sito

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli