Il trattamento sostitutivo ormonale della Menopausa ha provato i suoi limiti e soprattutto i suoi rischi

di Philippe Lagarde

Allora perché investire più soldi in sua difesa? Perché non sviluppare altri trattamenti meno pericolosi?

L’effetto positivo degli estrogeni (riduzione delle vampate di calore, sudorazioni notturne) è noto da molto tempo. È stato anche dimostrato un leggero effetto protettivo contro il cancro del colon-retto e un effetto positivo sulla densità ossea. Per quanto riguarda il trattamento in applicazione locale, riduce la ricorrenza di infezioni urinarie e secchezza vaginale.

Gli effetti collaterali riportati dalla terapia ormonale sono: sanguinamento vaginale, gonfiore, ipersensibilità mammaria, mal di testa, nausea, vaginiti e prurito vaginale, crampi alle gambe, sbalzi d’umore e perdita dell’appetito sessuale. Tutto questo è molto spiacevole e sconvolge la vita di molte donne sulla cinquantina.
Ma questi non sono gli effetti collaterali più gravi.
I più pericolosi sono i rischi associati alla terapia ormonale che sono attualmente in aumento nonostante le false informazioni che continuano ad essere pubblicate dal mondo della medicina :
• cancro al seno;
• ictus;
• attacco di cuore e coaguli di sangue;
• demenza in persone oltre i 65 anni;
• incontinenza;
• disturbi della cistifellea e del fegato;
• cancro ovarico.

Inoltre, il trattamento ormonale non è più considerato un metodo efficace e sicuro per prevenire le malattie croniche associate all’invecchiamento, perché è arrivato a riconoscere che i rischi superano i benefici.

In aggiunta, non dobbiamo dimenticare che i farmaci ormonali hanno un impatto molto negativo sull’ambiente. Rilasciati nei fiumi attraverso l’urina, partecipano ad una sorta di processo di femminilizzazione, con ripercussioni sulla biodiversità e sugli ecosistemi, e in ultima analisi, sulla catena alimentare e la salute della popolazione.

La natura con la fitoterapia può svolgere un ruolo importante per aiutare molte donne che rientrano in questo periodo spesso vissuto male, e porta il nome di pre-menopausa e perimenopausa e, infine, la menopausa. Come sapete, la menopausa è quando le ovaie smettono di funzionare. In Francia, ad esempio, questo fenomeno si verifica in media a 51 anni. Questo è il caso di 400.000 donne all’anno e più di dieci milioni di donne sono in menopausa. Almeno il 50% di loro lamenta: vampate di calore, mal di testa, dolori articolari, sudorazione notturna, affaticamento, insonnia, irritabilità, ansia, aumento di peso, rughe, ecc.
Tra le piante del nostro pianeta, ci sono alcune che sono in grado di assistere e sostenere efficacemente milioni di donne. Ad esempio una soluzione è quella di utilizzare piante che contengono fitoestrogeni, isoflavoni, fitosteroli, polifenoli, piante con proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie, e adattogene, piante contenenti precursori di ormoni naturali quali il progesterone o vari neurotrasmettitori, sostanze che promuovono la circolazione (Omega 3 e 9), e antiossidanti.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Cerca sul sito

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli