I cereali da semi antichi hanno fatto la storia di tanti popoli

di Philippe Lagarde

Articolo redatto dal naturopata Beniamino Angelillo

Nella società della globalizzazione e dell’ipertecnologia il ruolo della prevenzione riveste sempre di più un’importanza primaria per il benessere del nostro corpo.

Alcuni doni della natura che da sempre hanno accompagnato i popoli e che li ritroviamo ancora oggi molto più longevi di noi, purtroppo hanno dovuto fare spazio a prodotti sempre più manipolati dall’uomo.

I cereali sono la base della nostra alimentazione, purché siano quelli giusti. Difatti la bontà di quelli ricavati dai semi antichi, si intende in regime di agricoltura biologica, è straordinaria sia sotto il profilo nutrizionale che organolettico. Vengono trasformati rigorosamente ottenendo così farine complete di minerali, vitamine e fibra alimentare. E’ da sempre che il nostro sistema immunitario riconosce il fitocomplesso di questi semi senza arrecare disordini metabolici al nostro organismo. L’aver preferito prodotti più ad alto rendimento e fortemente raffinati abbiamo sottoposto l’organismo a varie forme di carenze nutrizionali. La conoscenza della struttura del seme ci rende più consapevoli per le scelte che ognuno fa sul piano alimentare. La parte esterna è composta dal pericarpio, in pratica dalla crusca, più internamente troviamo il tegumento e lo strato aleuronico, parti queste che sono ricche di proteine, minerali e vitamine; ad un polo della forma ellittica del seme si trova il germe che contiene la memoria genetica della pianta e che darà origine, dopo la semina, ad una nuova pianta. Il germe è ricco di oli vegetali, proteine, vitamine, enzimi, minerali, oligoelementi, fitormoni ecc. La parte più grande situata al centro è chiamata endosperma costituito principalmente da zuccheri (amido) e da alcune proteine, che nel caso del frumento sono glutenina e gliadina, le quali insieme formano il glutine.

La natura nel farci questo grande dono ha voluto metterci a disposizione quello che serve per mantenerci in salute, difatti le farine ricavate dai semi antichi, trasformate attraverso la macinazione a pietra, presentano tutte le componenti nutrizionali descritte nella struttura del seme e che sono quotidianamente indispensabili al nostro organismo Oggi purtroppo, le farine bianche, cioè quelle sottoposte alla raffinazione, perdono buona parte di questi preziosi nutrienti conservando solo la parte dell’endosperma. In queste farine si perdono il germe e lo strato aleouronico che sono ricchi di aminoacidi essenziali e di olio vegetale ricco di vitamina E che sono vitali per la vita delle nostre cellule. Qualche dato dovrebbe farci riflettere e tentare un cambiamento per scelte sempre più salubri. Purtroppo la raffinazione e lo stoccaggio, in particolare delle farine “OO”, producono perdite rilevanti di elementi vitali. Si perdono mediamente circa il 75% di vitamina B1, B3 e B6; circa il 70% di minerali come calcio, magnesio, zinco e selenio. Queste sono perdite importanti per l’organismo che alla lunga diventano carenze nutrizionali e possono minare il nostro benessere. Il pane ottenuto dalle farine antiche è stato il nutrimento primario delle famiglie contadine di un tempo, aveva un grande valore, non solo alimentare, veniva considerato anche un rito settimanale quando si panificava nel forno a legna insieme a tanti altri cibi che ne facevano parte.

La mia riflessione vuole essere solo e unicamente uno stimolo a quanti hanno a cuore la “prevenzione” affinché facciano scelte fuori dalla logica della globalizzazione. Oggi assistiamo all’avanzata inesorabile delle malattie cronico-degenerative e da invecchiamento in una società definita del “benessere”: non vi sembra che questo passato possa essere ancora oggi un grande insegnamento per noi tutti?

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti consiglio anche:

Cerca sul sito

Chi è il Dr. Lagarde

Philippe Lagarde è un rinomato medico specializzato in oncologia, conosciuto in tutto il mondo per le sue idee e tecniche innovative di applicazione delle cure per il cancro e dal suo immenso impegno sociale verso le persone affette dalla malattia.

Ultimi Articoli

Il mio ultimo Libro

IL LIBRO D'ORO DELLA PREVENZIONE

Difendere la salute con gli integratori alimentari e le vitamine

Categorie Articoli